Non solo foglie e munizioni, ma la forza del team building

DSC_0015Venerdì 23 ottobre 2015, con la meravigliosa cornice del lago di Garda impreziosita da una splendida giornata di sole, l’intero team delle risorse umane del Gruppo Industriale Maccaferri e i consulenti di GREENTALENT hanno partecipato ad un evento di training outdoor, cimentandosi nel softair.

Team Building, costruire il team. Consolidare i rapporti tra le varie componenti dell’anima di ogni organizzazione, le persone; e in questo caso, farlo simulando strategie e tattiche militari, stesi per terra in mezzo ai cespugli, con tanto di uniformi, fucili e munizioni.

A dirla così, sembra solo una giornata di lavoro particolarmente movimentata, che ti lascia anche qualche lieve ammaccatura.

Riflettendoci a qualche settimana di distanza, mi rendo conto che in realtà è stata qualcosa di più: cambiare ambiente e prospettiva aiuta. Ho capito che i rapporti che si instaurano tra colleghi sono strani, particolari. Sono persone con le quali condividi, magari per anni, la maggior parte della tua giornata, con cui gioisci, collabori, lotti, soffri e con le quali hai un obiettivo comune, chiaro e condiviso. Poi ti accorgi che non conosci assolutamente nulla di loro al di fuori dell’ufficio, o che ci sono aspetti del loro carattere che non avevi mai visto o che non immaginavi affatto potessero avere.

Tuttavia, occasioni come questa, fanno emergere tratti del carattere di ogni persona che mai ti saresti aspettato. La tua conoscenza del loro modo di essere ti spinge ad andare oltre alla quotidianità del rapporto. Anche solo per una giornata. Si apre inevitabilmente uno spiraglio sulla vita dell’altro e anche se poi, finita la giornata, lo spiraglio si chiude, è sempre un tassello in più.

Tutto questo crea fiducia, spirito di squadra e stima reciproca. Aiuta alla collaborazione, migliora il livello di confidenza e aumenta anche la produttività.

Non abbiamo costruito un team con una giornata di soft air, questo no. Ma sicuramente un tassello in più lo abbiamo messo.

Grazie a tutti.

Rispondi